Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

I viaggi dell'Anto

i viaggi non finiscono mai

I viaggi dell'Anto

Copenaghen atmosfera hygge per Natale

Tivoli Garden

Un week end a Copenaghen per Natale, il momento migliore dell’anno per capire l’hygge, l’arte danese dello stare bene.

Il termine hygge non si riesce a tradurre, è un sentimento di benessere e condivisione che deriva da piccole cose.                                         

A Dicembre le notti sono lunghe in Danimarca: dovunque  si accendono piccole candeline e le luci dei  mercatini di Natale rallegrano le strade.

Gammertorv Place, il palazzo illuminato della Royal Copenaghen

Tivoli Garden l’essenza dell’atmosfera  hygge

La perfetta atmosfera hygge per Natale si vive al Tivoli, il celebre  parco di divertimenti della città. Il grande giardino per l’occasione diventa un posto incantato con abeti innevati, sculture di ghiaccio, miriadi di lucine.

Atmosfera hygge a Tivoli Garden

Potrete incontrare un vero Babbo Natale con tanto di slitta ed elfi, fare acquisti di artigianato locale in una delle  bancarelle, ma soprattutto ritornare bambini e sorridere di stupore davanti a tanta meraviglia.

Tra le  attrazioni più spettacolari  del luna park,  le montagne russe che si snodano attraverso una falsa montagna innevata da cui scende una cascata di luce e l’Aquila che effettua oscillazioni vorticose. Solo per i più temerari!

Il momento migliore per visitare il Tivoli è alla sera quando le luci rendono l’atmosfera ancora più  magica e suggestiva ( in Dicembre alle quattro del pomeriggio è già buio). Potete anche approfittare delle numerose proposte di street food, da non mancare le Rød pølse – salsiccine di maiale croccante – di cui i danesi vanno pazzi.

Tivoli Garden a Natale

Passeggiando tra le bancarelle verrete assaliti dal profumo speziato  e invitante del Glögg, una bevanda a base di vino caldo e rum aromatizzata con cannella e chiodi di garofano.  Vi sentirete pervasi dallo spirito natalizio e partecipi dell’allegria e della convivialità che vi circonda. 

Mercatini di Natale

Mercatini di Natale a Copenaghen

Il periodo Natalizio a Copenaghen è molto sentito. Impossibile non entrare nello spirito festoso che aleggia ovunque.

Il modo migliore per apprezzarlo è visitare i numerosi mercatini di Natale che animano la città.

Lungo la Strøget, asse pedonale del centro storico si incontra il Julemarked all’intersezione delle due piazze Gammertorv e Nytorv (la Piazza “vecchia” e quella “nuova”).  Anche qui, tra il profumo del Glögg  e le musiche di Natale, potete  acquistare  decori e oggetti di artigianato locale come guanti o pelli di pecora.  Più avanti lo Christmas Market  di Højbro Plads, un piccolo villaggio Natalizio con tanti dolci, frittelle  e biscotti.

Copenaghen mercatino di Natale

La grande Piazza Kongens Nytorv è dominata dall’atmosfera fiabesca creata dalla facciata dell’Hotel d’Angleterre che riproduce un Natale d’altri tempi con il calendario dell’Avvento animato e un enorme letto in cui i bambini ascoltano rapiti la mamma che legge una storia.

Copenaghen la fiabesca facciata dell'Hotel d'Angleterre decorata per Natale

Sulle bancarelle trovate bellissimi decori in vetro rossi e bianchi. Qui è usanza decorare gli alberi di Natale con i colori della bandiera danese.

Anche a Christiania  , il quartiere creato dagli hippies negli anni ’70 come “comunità libera”, c’è un mercatino di Natale che non potrebbe che essere “alternativo”.

Uno dei mercatini più pittoreschi è quello lungo il canale di Nyhavn.

Vivere hygge

Copenaghen atmosfera hygge per Natale

Trascurate per un momento gli itinerari turistici classici e immergetevi nell’atmosfera di Copenaghen.

biciclette parcheggiate a Copenaghen

Iniziate con una colazione da “The Union Kitchen” – Store Strandstaede, 21 vicino a Nyhvn – un locale intimo e affollatissimo di giovani. Non mancano candeline sui tavoli e personale gentile e sorridente.

Poi recatevi al mercato alimentare, il Torvehallerne  che si trova nel quartiere di Norreport.

mercato di Torevehallerne

Ci potete andare a piedi e fermarvi a vedere il castello di Rosemborg Slot in stile rinascimentale olandese.

Rosemborg Slot, il castello fatto costruire come residenza estiva da Cristian IV
Rosemborg Slot fu fatto costruire da Cristiano IV come residenza estiva

I due moderni padiglioni vetrati del Torvehallerne offrono cibi locali, frutta, liquori, carni affumicate ed erbe aromatiche. E’ un luogo molto vivace e frequentato. E’ anche il posto giusto per fare acquisti golosi.

Il mercato di Torvehallerne dove trovare specialità locali

Se trovate un angolino sedetevi al banco di Hallernes Smørrebrød nel padiglione 1. Potrete gustare degli ottimi smørrebrød, le tipiche tartine danesi di pane nero guarnite con salmone, uova, gamberetti o carne chiacchierando con gli altri clienti .

mercato di Torvehallerne, pausa per un glogg caldo
pausa con un glögg caldo in uno dei padiglioni di Torvehallerne

Nel tornare verso il centro attraversate il Quartiere Latino, la zona intorno all’Università.

E’ una delle zone più antiche e suggestive di Copenaghen con bellissimi palazzi e un’atmosfera da cartolina.

Grabodetrov,quartiere latino con bellissimi palazzi dai colori pastello

Gråbrødretorv , quartiere latino

Numerosissimi bar e locali frequentati da giovani rendono questo quartiere allegro e vivace. Il local più popolare è Il Bastard Café con le pareti strapiene di giochi da tavolo a disposizione dei clienti. Ideale per trascorrere in compagnia i lunghi e bui pomeriggi invernali, tra un caffè e un drink, incarna l’essenza dell’hygge.

In questa città, tutti vanno in bicicletta e sfrecciano velocissimi arrabbiandosi parecchio se invadete a piedi la pista ciclabile. Per chi va a piedi c’è la pedonale.

Potete concludere la serata cenando a Cristianshavn, un bel quartiere con bei palazzi e i canali con le barche ormeggiate.

Il ristorante 108 è stato ricavato in un ex magazzino per la lavorazione della carne di balena con muri di cemento e alte vetrate. Appartiene alla stessa proprietà del celebre Noma e, pur offrendo ottimi piatti di cucina “New Nordic”, ha prezzi più accessibili.

Christianshavn, vista su canale

Nell’area in cui si trova il ristorante numerosi ex magazzini sapientemente ristrutturati sono ora abitazioni private con bellissime vetrate sul canale.

E’ in questo quartiere che si trova la comunità libera di Cristiania.

Passeggiate in città:

Nyhavn 

Nyahvn

Nyhavn è uno dei luoghi simbolo di Copenaghen.

Il canale di Nyhavn venne creato alla fine del 1600 per ampliare il porto di Copenaghen. Divenne poi un luogo malfamato, frequentato da marinai, tatuatori, artisti e scrittori tra cui Hans Christian Andersen che  visse al numero 18.

Oggi le belle case settecentesche coi tetti a timpano e le facciate colorate sono state recuperate e trasformate in ristoranti  con i tavolini all’aperto  rendendo Nyhavn uno dei luoghi più caratteristici della città.

Sul canale sono ormeggiate chiatte e barche a vela tuttora utilizzate per la navigazione.

Partendo dalla grande piazza di Kogen Nytorv imboccate la sponda sinistra del canale e fermatevi ad ammirare gli edifici. Al numero 9 si trova la più antica abitazione del quartiere. Al nr 71 ,  l‘arsenale  – oggi trasformato in hotel con caratteristiche finestrelle e imposte di legno verde.

Nyhavn

La Residenza Reale e la Sirenetta

Amalienborg Slot, la residenza reale danese

A questo punto girate a sinistra costeggiando il moderno edificio della Royal Danish Playhouse e l’imponente ex magazzino di granaglie ora divenuto Admiral Hotel. 

Admiral Hotel Copenaghen
Admiral Hotel, ex magazzino riconvertito

Vi si aprirà una vista magnifica  sull’ isola di Holmen e sull’Opera House, uno degli edifici più moderni del mondo , ancora più suggestivo all’imbrunire.

Copenaghen Opera House
Opera House

Se volete sfidare il vento gelido, proseguite lungo il canale fino ad Amalienhaven, il bel giardino da cui si accede ad Amalienborg Slot , la residenza Reale.

Copenaghen mezzo di trasporto comune è la bicicletta anche per chi ha molti bambini

Si tratta di un complesso di quattro palazzi identici intorno ad una piazza ottagonale. L’architettura degli edifici è molto austera e solo i simpatici colbacchi della guardia nazionale ingentiliscono la visita.

la Guardia Reale danese

Alle spalle della residenza reale si trova la  Marmorkirken (Chiesa di Marmo) con una cupola che ricorda quella di San Pietro.

Proseguendo verso il porto lungo la passeggiata Langeline, si arriva alla  Lille Havfrue, la Sirenetta.

La statua fu donata alla città dal birrificio Carlsberg, il cui proprietario rimase affascinato dalla protagonista della  favola di Andersen 

Copenaghen statua della Sirenetta

Nel tornare potete visitare il Kastellet, una fortificazione protetta da un doppio fossato che racchiude le caserme settecentesche.

Copenaghen, le caserme del Kastellet

Slotsholmen isola romantica

Il ponte di marmo

Questa piccola isola nel centro della città dal nome evocativo di “Isola del Castello” racchiude il centro amministrativo e di potere della Danimarca e offre scorci suggestivi.

Attraversate  il bellissimo Marmorbroen, Ponte di Marmo, per accedere  al cortile del maneggio superato il quale si arriva al Castello – Cristiansborg Slot. La severa facciata del castello è dominata dalla Torre. In questo palazzo hanno sede il Parlamento, la Corte Suprema e gli uffici governativi.

Chrsitansborg Slot, Copenaghen

Tre belle arcate in mattoni rossi danno accesso al romantico giardino della Biblioteca Reale, un luogo incantevole e inaspettato, chiuso a destra dall’alto muro dell’arsenale di Cristiano IV.

Copenaghen, il giardino romantico d
ella Biblioteca Reale

L’ampliamento della biblioteca è il cosiddetto “Diamante Nero” una spettacolare  costruzione moderna in granito nero dello Zimbawe lucidato con grandi vetrate che alleggeriscono la struttura.

il Black Diamond, moderno edificio che ospita la Biblioteca di Copenaghen

Lungo lo Slotsholms Kanal sorge il Palazzo della Børsen  – ex borsa valori – in stile rinascimentale olandese che oggi ospita la Camera di Commercio.

palazzo della Borsa a Copenaghen

Piazza del Municipio

La Radhusplanes, la Piazza del Municipio, rappresenta il cuore della città dal massiccio edificio del Radhus, il Municipio.

Poco distante ci sono i Giardini di Andersen con una grande statua dello scrittore. Sull’angolo opposto la torre Richshuet è un simpatico barometro animato: una donnina con la bicicletta annuncia il bel tempo mentre la donna con l’ombrello significa pioggia.

statua di Andersen Copenaghen

Design

Design danese da Illum

Oltre al Museo del Design, ci sono moltissimi negozi dove potersi immergere nel concetto danese di “design al servizio del confort“. La round chair ne è un classico esempio.

Da Illums Bolighus – Amagertorv 8/10 – trovereste bellissimi oggetti dei più famosi brand danesi, e quattro piani di arredi. Divanetti, tavolini e lampade.

Sempre in centro dal minimalista Hay House si possono acquistare cuscini, tavolini e oggetti per la cucina.

Sulla piazza Amagertorv si trova il bellissimo palazzo della Royal Copenaghen con le limited edition natalizie delle celebri porcellane.

il cortile nel negozio della Royal Copenaghen
il cortile interno del palazzo della Royal Copenaghen

Lungo la Straedet, parallela alla Stroget ma più elegante, troverete ceramiche e antiquariato locale.

allestimento natalizio di un fioraio a Copenaghen

La visione di insieme che ho avuto di Copenaghen è un mix calibrato di edifici storici, architettura di avanguardia e spazi all’aperto che la rendono romantica, moderna e piacevolmente vivibile.

biciclette al Black Diamond
Christianshavn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi