I viaggi dell'Anto

i viaggi non finiscono mai

I viaggi dell'Anto

Alla scoperta di Bettona, il borgo con vista

panorma dalla cima della collina su cui sorge Bettona

Nel cuore dell’Umbria, tra Assisi e Foligno, sulla cima di un colle scopriamo Bettona, il borgo con vista chiamato anche “il balcone etrusco “.

Il paesino infatti, oltre a trovarsi in una posizione incredibilmente panoramica, è l’unico centro etrusco sulla riva sinistra del Tevere.

Bettona, in Umbria, è un borgo con vista spettacolare sulla valle

Bettona, con la sua cinta ellittica di mura sembra appoggiato sul cocuzzolo della collina e la strada per raggiungerlo si arrampica tra gli ulivi.

borgo medievale con vista

la porta medievale tra le mura di Bettona

La piccola Bettona è proprio un borgo con vista!

La passeggiata intorno alle mura offre scorci bellissimi sugli uliveti , sul profilo del monte Subasio, Assisi, Perugia e più giù fino a Montefalco. L’armonia dei pendii dell’Umbria si rivela in tutta la sua dolcezza.

Le mura medievali, bellissime e possenti; , in alcuni tratti mostrano addirittura le vecchie pietre etrusche del III scolo a.C. appoggiate direttamente sulla roccia.

I piccoli archi che si aprono sulle scale ripide lasciano intravedere i vicoletti che, tra alte case di mattoni , sbucano nel centro storico.

passaggio coperto nel centro di Bettona

Il centro conserva intatta la struttura medievale: un’unica strada principale collega le due porte tagliando la cresta del colle. Le Piazze Cavour e Garibaldi formano in realtà un unico spazio urbano con una fontana in marmo a fare da divisione.

fontana in marmo sulla piazza di Bettona

Nel medioevo era nelle piazze che si svolgeva la vita pubblica ed è qui che si affacciano gli edifici civili e religiosi della città. Da un lato il Palazzo del Podestà, di fronte quello del Comune e,a chiudere, la Collegiata di Santa Maria Maggiore di origini antichissime anche se rimaneggiata nel 1800.

La Chiesa di San Crispolto, primo Vescovo e patrono della città, conservava le sue spoglie che vennero trafugate da Perugia quando nel 1352 distrusse Bettona e pose fine al suo prospero periodo comunale.

Sempre su Piazza Garibaldi si trova l’Oratorio di Sant’Andrea. All’interno, sulla parete sinistra, c’è un bellissimo affresco del 1300 di scuola giottesca che rappresenta la Passione di Cristo.

vicolo i salita a Bettona

Unico neo: sulle piazze sono parcheggiate molte macchine che snaturano quell’aria da “salotto” che potrebbe invece avere il centro di Bettona.

Costeggiando un vicoletto si sbuca nella Piazza IV Novembre che è in realtà una romantica terrazza sulla valle.

Di sera, lo sguardo è calamitato dalla luci di Assisi, davvero mistica nella sua luminosa pietra chiara.

la Piazza della meditazione a Bettona, con vista meravigliosa su Assisi

il museo che merita una visita

testa di afrodite al museo della città

Il museo di Bettona merita davvero una visita.

Nella sezione archeologica si trovano interessanti reperti etruschi e romani. In particolare una bella testa di Afrodite ritrovata in campagna, testimonia l’esistenza di un complesso termale.

La pinacoteca ospita due opere del Perugino. La dolcezza dei suoi volti riesce sempre a incantarmi e anche davanti a questa Madonna della Misericordia rimango stupita. L’altra tela ritrae Sant’Antonio da Padova, si tratta di un ex voto commissionato dal condottiero Bartolomeo da Maraglia al servizio dei Signori di Bettona.

Molto interessanti due corali miniati del ‘300 con caratteri gotici e un bellissimo tabernacolo a cinque scomparti decorato da El Greco.

stretti vicoli e scale nei borghi dell'Umbria

10 Replies to “Alla scoperta di Bettona, il borgo con vista”

  • Amo visitare questi antichi borghi, mi piace immergermi nella loro atmosfera d’altri tempi e fantasticare sul loro passato.

    • anche io spesso mi immagino gli uomini e le donne del medioevo che camminavano in quelle strade e andavano al mercato sotto quegli stessi portici

    • io cerco di andarci almeno una volta all’anno e nel periodo dell’olio nuovo quando il profumo dei frantoi riempie la campagna, è pura poesia

  • Ti ringrazio di questo post perchè non conoscevo Bettona neanche di nome e ora mi hai aperto un mondo. Non solo sul borgo, ma anche su tutti i dintorni che devono essere assolutamente stupendi. La vista sul panorama è un indizio che toglie tutti i dubbi.

    • Raffi, L’Umbria è veramente tutta da scoprire, i paesaggi hanno la dolcezza dei quadri rinascimentali

  • Uno di quei paesi dove sembra che il tempo si sia fermato – peccato per le macchine parcheggiate di cui parli ma direi che sei stata molto brava e molto paziente a fare tutte queste foto che mostrano la natura senza tempo di questo borgo.
    Spero di poter organizzare presto una gita in Umbria!

    • in effetti non è stato facile cercare inquadrature senza auto… se ci fossero parcheggi sotterranei il borgo sarebbe magnifico

  • Sono stata in Umbria nella zona di Città della Pieve e ricordo anti piccoli borghi che mi hanno affascinato. Di Bettona non avevo mai sentito parlare prima e mi chiedo come mai vista la sua bellezza, grazie per la scoperta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi