I colori di Trinidad, la città coloniale più bella di Cuba

l'architettura coloniale di Trinidad, Cuba

Trinidad mi è rimasta nel cuore per la sua intatta atmosfera coloniale e i suoi colori brillanti che rendono ogni scorcio uno scatto perfetto.

I cieli profondi del tardo pomeriggio, i raggi del sole che accendono i muri pastello, le bellissime grate davanti alle finestre dei palazzi coloniali fanno di Trinidad l’essenza della bellezza di Cuba.

La posizione difficile , tra il Mare dei Caraibi e le montagne della Sierra dell’Escambray è stata una fortuna. La sua meravigliosa architettura è rimasta pressoché intatta dal periodo delle grandi piantagioni di canna da zucchero. Motivo per cui l’Unesco l’ha inserita nel 1988 tra i Siti Patrimonio dell’Umanità insieme a tutta la Valle de los Ingenios, le piantagioni appunto.

Le strade di ciottoli percorse da carretti e cavalli, e i guajiros con i cappelli di paglia fanno sembrare Trinidad il set di un film. Invece è tutto incredibilmente e mirabilmente reale!

I colori di Trinidad, la città coloniale più bella di Cuba
Il cavallo è un mezzo di trasporto consueto

Il centro storico di Trinidad, un museo a cielo aperto

Come sempre accade nei luoghi che hanno un fascino intrinseco, il mio consiglio è quello di lasciarsi andare alle sensazioni del cuore. Senza un percorso definito inseguite il suono della musica o infilatevi in un vicolo solo per il colore dei muri. E’ il modo migliore per vivere la città. Ci sono comunque a Trinidad alcune cose davvero interessanti da vedere e che vi elenco qui di seguito.

I colori di Trinidad, la città coloniale più bella di Cuba
i colori accesi delle case e le belle grate delle finestre

Plaza Mayor, la più fotografata

E’ uno degli angoli più suggestivi di Trinidad. Uno spazio scenografico dominato dalla Chiesa della Santisima Trinidad in posizione elevata rispetto ai giardini recintati che digradano verso la strada sottostante. Lo scorcio del campanile giallo dell’ex convento di San Francisco che spunta dai muri color pastello di Calle Echerri è da cartolina.

Accanto alla chiesa non perdete la celebre scalinata della Casa de la Musica. I tavolini sono incastrati tra i gradini e la sera tutti ballano salsa e rumba suonate dal vivo.

Se volete un ambiente più autentico, potete raggiungere la Casa de la Trova. Sembra una balera degli anni ’40 ma i gruppi che si esibiscono sono molto bravi così come alcuni ballerini habitué in scarpe bianche e panama

I colori di Trinidad, la città coloniale più bella di Cuba
Plaza Mayor dai gradini della Casa de la Musica

Il Museo de Historia Muncipal e la vita ai tempi delle piantagioni

Il casco historico di Trinidad si raccoglie intorno a Plaza Mayor e in pochi passi raggiungerete Palacio Cantero. L’edificio prende il nome dall’ultimo latifondista tedesco che lo acquistò nel 1830. Dopo essere divenuto anche un magazzino per il tabacco, passò allo stato cubano e divenne un museo. Le stanze che si intersecano e affacciano sul patio, sono allestite con mobili e suppellettili d’epoca a raccontare la vita nelle piantagioni. Vi è anche una sezione dedicata al brutale trattamento degli schiavi. La parte più interessante è la torre: salirci non è uno scherzo ma la vista dei tetti di Trinidad e del panorama fino al mare è impagabile.

Un altro interessante edificio coloniale è Palacio Brunet che ospita il Museo Romantico con pezzi del 1800. Il Museo dell’Architettura di Trinidad si trova invece all’interno di uno dei palazzi della potente famiglia Iznaga, proprietaria di enormi piantagioni di canna da zucchero.

I colori di Trinidad, la città coloniale più bella di Cuba
Il campanile dell'ex convento di San Francisco, oggi Museo

Los Tres Cruces, dove i turisti non arrivano

Trinidad è una delle popolari “gite di un giorno” dai resort di Varadero. Gruppi di turisti in ciabatte (sconsigliatissime sui ciottoli di Trinidad) si aggirano accaldati per il centro storico con l’aria spaurita e meravigliata di chi non sa dove si trova esattamente. Se avete un pò più di tempo e la fortuna di trovarvi in città al tramonto, spingetevi fino al Barrio Los Tres Cruces.

Il quartiere è purtroppo molto degradato ma le file di casette basse dai colori intensi, si accendono all’imbrunire. I bambini corrono per le strade e gli adulti siedono sui gradini, le porte di casa sempre aperte. Cavalli e carretti sono “parcheggiati” davanti alle case come se fosse normale. Mi sono sentita un pò un’intrusa in questo mondo così diverso ma le persone sono sorridenti e non rifiutano quasi mai una foto, anzi si mettono in posa davanti alle auto scassate.

I colori di Trinidad, la città coloniale più bella di Cuba
scorcio di una strada al tramonto

E poi c’è il cielo che diventa scuro e profondo, i grovigli dei fili elettrici abbarbicati ai pali storti sembrano cadere da un momento all’altro, sullo sfondo la Sierra compare nitida.

E’ la poesia di questa città, con le grate davanti alle grandi finestre senza vetri da cui si vedono le sedie a dondolo intorno alla televisione. L’architettura coloniale spagnola si è adattata al clima di Cuba e ha creato queste protezioni dalla luce e dal caldo che rendono così misteriose le case e inventano arabeschi di luce sulle pareti.

Nel rientrare verso il centro, fermatevi a bere una canchanchara alla Taberna de la Canchanchara. Godetevi la musica che qui si suona per tutto il giorno e il cocktail, tipico di Trinidad, a base di rum, lime e miele. E’ delizioso ma attenzione: non è freddo e dà subito alla testa.!

I colori di Trinidad, la città coloniale più bella di Cuba
scene di vita quotidiana

Dintorni di Trinidad: la Valle de los Ingenios

Il periodo di maggior splendore di Trinidad è quello tra il 1750 e l’inizio dell’800 quando i proprietari delle piantagioni di canna da zucchero accumulavano ricchezze enormi. Ne sono testimonianza i bellissimi palazzi riccamente arredati e decorati con affreschi e in generale tutta la meravigliosa architettura coloniale della città.

Intorno a Trinidad, nella Valle de Los Ingenios, ovvero degli stabilimenti, c’erano almeno quaranta zuccherifici che prosperavano grazie alla manodopera gratuita degli schiavi africani. Purtroppo è una storia che già conosciamo, molto simile a quella delle piantagioni di cotone negli Stati Uniti del Sud. Le condizioni, inutile dirlo, erano inumane con i lavoratori che lavoravano senza sosta sotto il sole per tagliare la canna e poi la spremevano a mano per ricavare il succo che si sarebbe trasformato in zucchero.

I colori di Trinidad, la città coloniale più bella di Cuba
la torre della Manaca Iznaga

Vale sicuramente la visita la Manaca Iznaga; il proprietario Pedro Iznaga, grazie ai suoi enormi possedimenti, era diventato uno degli uomini più ricchi di Cuba. Dall’alto della torre che serviva per sorvegliare il lavoro degli schiavi, si gode un panorama straordinario della valle.

Io ho apprezzato particolarmente la visita al sito storico di Sant’Isidro dove una guida preparatissima ci ha spiegato le fasi della lavorazione della canna e i metodi con cui i proprietari terrieri si arricchivano impossessandosi di parte del raccolto destinato alla madrepatria spagnola.

I colori di Trinidad, la città coloniale più bella di Cuba
a Trinidad il tempo sembra essersi fermato

Dintorni di Trinidad: Playa Ancòn

Pur non arrivando alla bellezza di cayos del nord, Playa Ancòn è una delle più belle della costa meridionale. Una lunga striscia di sabbia chiara parzialmente attrezzata con lettini un pò datati all’ombra delle mangrovie, due ristoranti e un chioschetto. E’ frequentata dai locali soprattutto nel fine settimana che arrivano con gli autobus da tutta la zona.

Aricoli correlati

26 Risposte
  1. Ti devo ringraziare perché con questi articoli su Cuba mi stai facendo fare un bellissimo viaggio in un paese dove sogno di andare da tempo. Mi ha fatto riflettere quello che hai detto sui turisti dall’aria smarrita e in infradito: un po’ mi dispiace per loro perché forse con quel tipo di turismo non vedranno mai davvero i posti che visitano.
    Se chiudo gli occhi riesco a immaginarmi davanti a un tramonto a Los Tres Cruces!

    1. bisogna soprattutto avere un pò di tempo. Non volevo essere maleducata dei confronti dei turisti di un giorno a Trinidad – l’ho fatto anche io tanto tempo fa – solo descrivere un diverso modo di viaggiare

  2. Iris e Periplo Travel

    Favolose le tue foto di Trinidad, riescono a catturare la vera anima del paese e della meravigliosa Cuba che anche a noi è rimasta nel cuore

  3. Ho dei ricordi favolosi di Trinidad, le strade colorate, i bambini che ci rincorrevano in piazza, la salsa al calar del sole, le botteghe in cui sbirciare…che nostalgia!!!

    1. anche io quando ci penso provo una infinita nostalgia soprattutto per il tramonto quando la luce si stempera, i colori si fanno più intensi e la piazza prende vita

  4. Libera

    Da come ce l’hai descritta, Trinidad è sicuramente una delle mete che mi potrebbero piacere. Mi lascerei trasportare dai piedi, vagando senza meta.

  5. Mi piacerebbe visitare Cuba, anche se non è in cima alla mia lista ma per la sua autenticità merita e non mi fermerei solo all’Havana e a Varadero o a los Cayos, ma andrei anche a Trinidad, Cienfuegos e Santiago.

  6. Questi colori pastello, quell’atmosfera sospesa nel tempo tipica delle città storiche, il silenzio dei viali interrotto solo dal gioco dei bambini. Cuba deve essere affascinante davvero e Trinidad una vera tappa imperdibile!

  7. Complimenti per le foto! Cuba mi ispira molto per la vivacità del suo popolo. Sicuramente apprezzerei molto la Casa della musica, mi lascerei trasportare dal ritmo cubano e poi mi perderei tra i colori delle case in perfetto stile coloniale. Cercherei di fare tantissime foto.

  8. Grazie per questo sguardo su una Trinidad non solo turistica ma anche fatto di quartieri meno abbienti, con i carretti come mezzi di trasporto ma ugualmente pieni di poesia, così come le piantagioni da visitare.

    1. cavalli e carretti sono un pò dovunque nelle zone rurali di Cuba i mezzi di trasporto più utilizzati, all’inizio mi meravigliavo poi ci ho fatto l’abitudine perché fanno parte del fascino dell’isola

  9. Trinidad è una delle città cubane che più mi ha affascinato. L’arte e la musica hanno riempito la mia vacanza, soprattutto nelle strade e nelle piccole gallerie d’arte di questa città. Non vedo l’ora di tornarci.

  10. Ho trascorso a Trinidad tre giorni durante il mio viaggio a Cuba qualche anno fa. Mi ricordo che il soggiorno non è stato proprio privo di problemi… infatti dopo il primo giorno abbiamo dovuto cambiare la casa particular dove stavamo. Per fortuna ne abbiamo trovata un’altra con un host molto simpatico, il mitico Ingenier Jesus. Quanti ricordi mi hai fatto riaffiorare!

  11. Non sono mai stata a Cuba (ma mi sa che te lo avevo già detto) ma è una destinazione che mi attira tantissimo. Trinidad è sicuramente da inserire nell’itinerario, dalle foto sembra bellissima, mi ricorda moltissimo alcune città che ho visto in Guatemala!

  12. Sono stata a Cuba tre volte e tra meno di un mese ci ritorno (dopo più di 10 anni di assenza). Non vedo l’ora. Sicuramente la troverò molto cambiata, ma spero di non esserne delusa. Ovviamente una tappa a Trinidad non potrà mancare perché è troppo bella

    1. io c’ero stata moltissimi anni fa e l’ho trovata molto cambiata. Purtroppo la situazione economica sempre più difficile non è un bene per l’isola

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi Post

Tempio dorato a Luang Prabang, Laos
Luang Prabang, l’antica capitale del Laos Patrimonio Unesco
15/04/2024
monaci buddhisti in fila per il Tak Bat
Tak Bat, la questua del riso dei monaci a Luang Prabang
08/04/2024
Valle di Viñales
Viñales: una Cuba rurale di terra rossa, mogotes e tabacco
02/04/2024

AMICIDELLANTO

Blog della community Travel Blogger Italiane

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi