Le Baux e il leggendario castello dei Signori della Provenza

la rocca del castello di Les baux de Provence

La casa sua il signore di Baux l’ha costruita sui sassi…” le parole di una famosa canzone di Branduardi, mi hanno riecheggiato nella mente non appena messo piede a Le Baux de Provence.

Il borgo è infatti dominato dalle rovine di un castello costruito su di un dirupo, che ancora fiero e solenne domina la sottostante Val d’Enfer.

Pare che lo stesso Dante si sia ispirato a questa valle per i suoi gironi. La piccola catena montuosa delle Alpilles , nella bassa valle del Rodano, è caratterizzata infatti da paesaggi di rocce, grotte e cunicoli sotterranei.

La potente famiglia dei Baux dalla sua cittadella fortificata ha dominato la regione per molti secoli tra intrighi famigliari, filtri d’amore e leggende misteriose.

Le Baux e il leggendario castello dei Signori della Provenza

I Signori della Provenza erano molto potenti e con le loro personalità di ribelli e combattenti segnarono profondamente la storia della regione.

Si dicevano discendenti di Baldassare, uno dei magi, e infatti nel loro stemma araldico campeggia una stella che ricorda la cometa.

Dal loro nido d’aquila sullo sperone roccioso che sovrasta la valle, hanno difeso il loro dominio per cinque secoli, superbi e orgogliosi, impavidi e spacconi.

Raymond de Tourenne, signore di Baux alla fine del 1300, fu un tipo sanguinario e senza scrupoli. E’ passato alla storia con il soprannome di flagello della Provenza. Uno dei suoi divertimenti preferiti era quello di far gettare i prigionieri dall’alto del dirupo e osservare le loro espressioni terrorizzate.

Eppure, a dispetto di una fama che li vuole rudi combattenti, alla corte dei Baux vivevano menestrelli e trovatori. Nelle sale del castello si davano ricevimenti, le dame danzavano alla luce delle torce. I poeti cantavano l’amor cortese, e tra i passatempi della corte c’era quello del corteggiamento. Bérengère de Baux, innamorata di un cantastorie, lo costrinse a bere un filtro d’amore. Lui si liberò dall’incantesimo ma finì ucciso da un marito geloso che gli strappò il fegato e lo servì per cena alla consorte.

In uno scenario del genere non è difficile immaginare che arrivati al momento di dover accettare l’annessione al Regno di Francia, gli indomiti signori di Baux preferirono sparire piuttosto che soccombere. La leggenda, a cui si è ispirata la canzone di Branduardi, narra infatti che il castello fu abbandonato in una sola notte.

Le Baux e il leggendario castello dei Signori della Provenza

Durante il Rinascimento il castello di Les Baux visse un nuovo periodo di splendore ma poi la Rivoluzione e la successiva epoca tribolata lo relegarono ad un destino di abbandono e declino.

Eppure, quando dai vicoli pittoreschi del borgo medioevale si alza lo sguardo verso la rocca la casa del signore di Baux “è ancora là e guarda passare gli anni.. “

Indubbiamente le rovine del castello sono l’attrazione principale di Les Baux che da lontano sembra quasi un rudere tra le rocce completamente disabitato.

E’ comunque molto piacevole passeggiare tra i vicoli lastricati del borgo medioevale che si arrampicano sul fianco della collina. Le case in pietra chiara ospitano locali e piccole boutiques dove acquistare souvenirs e ottime specialità provenzali.

Sulla piccola piazza Saint Vincent, in cima al borgo, si affaccia la chiesa omonima che custodisce antiche fonti battesimali. A pochi passi si trova la Cappella dei Penitenti Bianchi. La costruzione, in stile romanico, era la sede della confraternita dei tessitori.

In estate Les Baux è sempre affollato di turisti che riempiono i vicoletti del centro storico, ma fuori stagione nel silenzio della montagna sembra che il vento porti tra i muri gli echi dei passi dei cavalieri degli eserciti dei Signori della Provenza.

Le Baux e il leggendario castello dei Signori della Provenza

Ogni anno a Natale, il borgo si anima con eventi e manifestazioni. Dalla sfilata in costume con le greggi di pecore per le strade del villaggio, alla messa di mezzanotte con la tradizionale pastorale della Provenza.

Ai piedi della collina su cui sorge Les Baux, si trovano le Carrières des Lumières. Si tratta di grotte scavate nella pietra bianca delle Alpilles sulle cui pareti vengono proiettati capolavori di artisti famosi che variano ogni anno. Fino a Marzo 2024 sarà il momento di Vermeer, Van Gogh e Mondrian. Un’esperienza davvero emozionante.

Le Baux e il leggendario castello dei Signori della Provenza

A pochi chilometri da Les Baux, si trova il pittoresco villaggio di Eygalières. un vero gioiellino provenzale.

E poi, assolutamente imperdibile se siete in zona, Saint-Rémy-de-Provence. Qui sotto due spunti per una visita.

Aricoli correlati

16 Risposte
  1. Trovo sempre interessante scoprire storia e leggende di borghi poco conosciuti come quello di Baux. Soprattutto quando si parla di magia come nel caso del filtro d’amore di Bérèngère de Baux.
    Peccato che i Beaux non combatterono per il loro castello, maagri avrebbero perso ugualmente ma il castello avrebbe potuto avere una sorte migliore.
    A parte il castello, il borg semrbra davvero caratteristico e sicuramente vale la pena visitarlo.

    1. La leggenda narra che il castello venne abbandonato in tutta fretta, penso che in realtà i Baux abbiano combattuto e negoziato parecchio prima di mollare i loro possedimenti…

  2. Non conoscevo Les Baux e credo che oggi non riuscirò a togliermi dalla testa il dettaglio del fegato servito in pasto alla donna dal marito geloso 😉 Dettagli cruenti a parte, sembra un borgo che vale la pena di visitare!

  3. Sono stata più volte in Provenza ma mai in questo delizioso borgo, ne tantomeno al cospetto di questo antico castello. Spero di colante presto le mie lacune di viaggio andando a visitare entrambi, magari in autunno.

  4. libera

    Sono stata in Provenza ma non ho visitato questo luogo, che invece è davvero di grande ispirazione. Complimenti anche per le foto, sono una più bella dell’altra.

    1. Mi fanno molto piacere i complimenti per le foto! Quel giorno c’era una luce meravigliosa e ho cercato di cogliere l’anima del borgo con relativamente pochi turisti

  5. Ci sono stata nel 2017: mi hanno consigliato questo borgo alcuni compatrioti di Roma incontrati ad Arles, pensa, e il giorno dopo ci siamo andati!
    Ne ho uno splendido ricordo anche se non ho visitato il castello: un motivo in più per tornare!

  6. Sono assolutamente innamorata del Carrières de Lumiéres e ogni volta che passo da lì non manco di visitarlo perchè ogni proiezione è davvero spettacolare.
    E’ però proprio a causa di questo posto che ho preso in antipatia le varie mostre multimediali tipo ‘Van Gogh Alive’ perchè sono costose e non reggono mai il confronti, il che è strano visto che gli spettacolari video al Carrières de Lumiéres sono spessissimo realizzati da studi italiani…

  7. Marina

    Che tempi brutali dovevano essere quelli in cui per divertimento si gettavano prigionieri da una scogliera! E chissà quante altre storie che non conosciamo devono essere successe in questo magnifico castello.

  8. Federica

    Una zona che mi piacerebbe molto vedere, non conoscevo la leggenda dei signori della Provenza. Probabilmente si divertiva di brutto a togliersi i nemici, buttandoli dalla scogliera. Dai una sciocchezza ahaha! Il castello si è conservato bene oggi!

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi Post

mercato galleggiante del Delta del Mekong
Itinerario nel Delta del Mekong, tra i canali di un fiume leggendario
20/05/2024
Borgo di Cervo ligure
Cervo, il borgo ligure dei pescatori di corallo
13/05/2024
Kamphong Phluk villaggio galleggiante sul lago Tonle Sap
I villaggi galleggianti del lago Tonle Sap in Cambogia
06/05/2024

AMICIDELLANTO

Blog della community Travel Blogger Italiane

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi