Massa Marittima, il borgo medioevale della Maremma

Che i borghi della Toscana siano tutti bellissimi non si può negare, Massa Marittima però ha qualcosa in più: è inaspettato.

Intanto con un nome così viene da immaginarselo vicino al mare, invece è su una collina da cui domina elegantemente le paludi maremmane.

E poi ha edifici solenni e un Duomo molto interessante testimoni di una storia passata in cui il borgo ha avuto un ruolo importante.

Se esiste una Toscana “minore”, Massa Marittima è sicuramente uno dei suoi esempi più significativi.

Massa Marittima, il borgo medioevale della Maremma

Il fascino medioevale di Massa Marittima

Arrivando a Massa Marittima, resterete stupiti dalla particolarità di Piazza Garibaldi. Ha una forma totalmente irregolare con angoli che si dilatano e giocano con le visuali.

Il Duomo, che sorge su di un basamento a gradoni, è in posizione obliqua rispetto alla piazza e crea uno scenografico spazio prospettico.

Sulla piazza affacciano anche il Palazzo del Podestà, il Palazzo dei Priori e altri importanti edifici medioevali che raccontano del periodo d’oro della città, quando Massa Marittima era un libero Comune.

Massa Marittima, il borgo medioevale della Maremma

Gli anni tra il 1225 e il 1237, videro la massima espansione del borgo grazie allo sfruttamento delle miniere di argento, rame e pirite delle colline circostanti. Massa aveva addirittura una propria moneta: lungo il corso principale si trova il Palazzetto della Zecca con le sue belle arcate in cotto.

Il Palazzo Pretorio, oggi Museo Archeologico, risale al 1230 ed è caratterizzato da numerosi stemmi presenti sulla facciata.

Il grande edificio in travertino in cui si trova il Comune, era invece la sede dei Priori, i magistrati della città.

Non dimenticate, infine, di dare un’occhiata alla Fonte dell’Abbondanza e al suo interessante affresco con l’albero della vita.

Il passato medioevale del borgo di Massa Marittima, rivive due volte l’anno – a Maggio e ad Agosto – nel Balestro del Grifalco, una gara di balestra tra 24 tiratori che appartengono ai Terzieri delle città.

Massa Marittima, il borgo medioevale della Maremma

Il Duomo insieme gotico e romanico

Se osservate bene la facciata del Duomo, vi accorgerete che le colonne di destra sono più vicine tra loro di quelle di sinistra. E’ una scelta precisa dall’architetto perché sembrassero in realtà equidistanti considerato che la chiesa è obliqua rispetto alla piazza.

L’imponente Cattedrale dedicata a San Cerbone, sovrasta e domina la piazza Garibaldi. La facciata presenta due ordini ben distinti: la parte bassa e il loggiato sono in stile romanico pisano mentre le guglie e la quadrifora superiore sono in gotico senese.

Il rilievo sull’architrave del portale narra la storia del Santo.

L’interno è a tre navate divise da colonne in travertino. Nella controfacciata, si trovano dei notevoli affreschi del 1200/1300 e nel transetto è visibile un bellissimo crocifisso su tavola.

L’opera più interessante si trova però nella Cappella della Madonna: una stupenda pala della Madonna delle Grazie attribuita a Duccio da Boninsegna.

Massa Marittima, il borgo medioevale della Maremma

Massa Marittima: la città “nuova”

Attraversate la Porta alle Silici e arrampicatevi verso il quartiere di Cittanova, creato nel 1300 perché la città aveva bisogno di espandersi.

La Torre del Candeliere è quello che resta della vecchia fortezza distrutta dai senesi quando Massa Marittima cadde sotto il loro dominio. Il nome deriva dall’abitudine di lasciare sempre accesa una luce in cima alla torre che sembrava così un’enorme candela.

Salite sulla cima per ammirare uno splendido panorama e soprattutto per attraversare lo spettacolare arco che la collega alla fortezza senese.

Massa Marittima, il borgo medioevale della Maremma

Le possenti mura sono un’altra caratteristica di Massa Marittima, distrutte e poi ricostruite, circondano completamente il centro storico.

Per informazioni sui biglietti e sugli orari di apertura dei musei potete visitare il sito www.turismomassamarittima.it

Aricoli correlati

18 Risposte
  1. Massa marittima è davvero un borgo delizioso e secondo me sottovalutato. Ma non ha niente da invidiare ai più celebri San Gimignano e Volterra. Quando abitavo a Grosseto andavo spesso in giro per borghi (soprattutto in occasione delle sagre). Tra i miei preferiti Monteriggioni, Scansano e la bellissima Castiglione delle pescaia

  2. Io adoro tutt ala regione Toscana, secondo me la più bella d’Italia per luoghi, panorami ed enogastronomia.
    Massa Marittina è uno di quei paesi che non ho ancora visitato ma è già nella mia wish list.

  3. Ma che delizioso gioiellino è Massa Marittima! Non la conoscevo affatto ma, del resto, sono stata in Maremma sempre e solo di passaggio. Mi ispirano le sue architetture e scommetto che si mangia benissimo!

  4. Quando leggo articoli belli come questo che parla della mia toscana mi sento felice, sono stata a Massa Marittima diverse volte e ora vorrei di nuovo essere li

  5. Ho adorato Massa Marittima e anche per me è stata una piacevole sorpresa. E l’affresco dell’Albero della Vita? Assolutamente divertente!

  6. Sono stata qualche tempo fa in Maremma ed effettivamente i suoi Borghi sono tutti bellissimi. Peccato che mi sia persa Massa Marittima , spero di rimediare presto!

  7. La fonte della vita è moooolto interessante! Un affresco con tema particolare e unico, oserei dire. Non ne ho visti di simili nelle mie esplorazioni artistiche, e tu?

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi Post

Capo Corso e la natura selvaggia del “dito”
19/09/2022
Dormire nei rorbuer alle Lofoten, esperienza indimenticabile
12/09/2022
Il Postale dei fiordi, leggendario simbolo della Norvegia
29/08/2022

AMICIDELLANTO

Blog della community Travel Blogger Italiane

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi