Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

I viaggi dell'Anto

i viaggi non finiscono mai

I viaggi dell'Anto

Provenza: brocantes e antiquari a L’Isle-sur-la-Sorgue.

brocantes e antiquari a Isle-sur-la-Sorgue

Lungo i canali a caccia di occasioni.

Oggi ho una meta precisa. Voglio visitare la fiera dei brocantes e antiquari a l’Isle-sur-la-Sorgue che si svolge proprio nel week end di Pasqua.

antiquari a Isle-sur-la-Sorgue
antiquari lungo i canali

La Provenza, si sa , è terra di mercatini delle pulci e in ogni villaggio la domenica si tiene il cosiddetto “vide grénier” letteralmente “vuotasoffitta”. Ma per gli amanti dell’antiquariato la fiera dei brocantes che si svolge due volte all’anno a l’Isle-sur-la-Sorgue è assolutamente imperdibile.

A Pasqua e Ferragosto , il piccolo paese diventa la capitale dei brocantes con la Foire International d’Art e Antiquité che ha ormai raggiunto la sua edizione numero 106.

Da piccolo mercatino organizzato da un gruppo di amici nel 1965, è divenuto ora il terzo mercato europeo dopo Londra e Saint-Ouen.

Lungo i canali che circondano e attraversano la città si danno appuntamento più di 300 espositori professionali che si aggiungono ai numerosi atelier già presenti .

Isle-sur-la-Sorgue collezione di bottiglie alla Fiera dei brocantes
bellissimi oggetti in esposizione

L’amministrazione pubblica non ha lesinato sugli aiuti a questa nuova specialità che è servita a ridare vita alla cittadina un pò assopita dopo che i numerosi mulini hanno smesso di girare. L’organizzazione è impeccabile, dai parcheggi alla risonanza mediatica.

La presenza dell’acqua regala un fascino particolare a questa manifestazione e vagabondo volentieri alternando la curiosità per gli oggetti esposti a scorci delicati sui canali.

Isle-sur-la-Sorgue scorcio dei canali
scorcio di un canale

Lungo il canale du Mulin Vert, mi fermo ad ammirare la grande pala ricoperta di alghe testimone di un passato in cui l’ Ile-sur-la-Sorgue era davvero un’isola in mezzo alle paludi e i mulini servivano a far funzionare le fabbriche per la lavorazione della lana.

Isle-sur-la-Sorgue la pala del mulino

Passeggiando pigramente per le stradine, mi accingo a visitare i numerosi villaggi degli antiquari alla scoperta di mobili, oggetti e decorazioni.

I villaggi degli antiquari

Inizio dal Village des Antiquaires de la Gare, uno dei primi conglomerati di brocantes sorto alla fine degli anni ’70. Mi faccio conquistare da un’atelier che espone oggetti industriali e ha una sorprendente collezione di lampade.

Isle-sur-la-Sorgue collezione di lampade in un negozio di antiquario

All’interno del Parc Gautier gli espositori occupano il grande spazio che circonda un villone borghese di fine ‘800. Mi piacciono tantissimo i vecchi tavoli da officina e gli arredi da giardino molto “francesi”.

oggetti in pietra a Isle-sur-la -Sorgue

Numerosi ristoranti e bistrot pieni di turisti riempiono di profumi, colori e voci il lato opposto del canale.

Isle-sur-la-Sorgue i canali

Da lì mi intrufolo nel centro storico e arrivo alla Place de la Liberté dominata dall’imponente Collegiale di Notre Dame des Anges.

Installazioni di artisti e bancarelle colorate rallegrano questo spazio decisamente provenzale. I bei platani dal tronco chiaro si intonano al colore della pietra locale con cui sono costruite le case.

Isle -sur-la-Sorgue la piazza principale

Girovagando mi è venuta fame e approfitto di un altro piccolo borgo di antiquari per pranzare al delizioso “Carré d’Herbes”. Cucina provenzale in un mini giardino. Gli espositori di questo angolo hanno bellissimi vasi in pietra ed enormi giare provenzali.

Isle-sur-la-Sorgues antiquari

Ammiro una incantevole collezione di bauli vintage, una vecchia persiana provenzale, i tavolini in ferro battuto che mi immagino abbiano popolato le terrasses de café della Parigi di inizio ‘900.

Mi ritrovo a sbirciare all’interno dell’Ile aux brocantes.

Altra splendida location con gli atelier che si affacciano su un cortiletto chiuso.

Isle-sur-la-Sorgue un cortile

Ancora uno scorcio di canale, su cui navigano le piccole imbarcazioni a fondo piatto, le nego-chin, utilizzate in passato per il trasporto delle merci.

Isle-sur-la-Sorgue deliziosi affacci sull'acqua

Inutile dire che non sono tornata a mani vuote dal mio tour di brocantes e antiquari a Isle-sur-la-Sorgue!

Mi sono limitata a un tavolino, alcune cornici di inizio ‘900 e tre simpatiche etichette in ferro battuto che indicano i nomi delle piante.

C’erano talmente tante cose belle…..! Il villaggio è delizioso e i mercati numerosissimi durante tutto l’anno quindi magari ci torno un’altra volta!

mulino a Isle-sur-la -Sorgue

26 Replies to “Provenza: brocantes e antiquari a L’Isle-sur-la-Sorgue.”

  • Mi piace la Provenza per la sua luce e amo.viverla (quando riesco) fuori stagione. La trovo ancora più bella quando è solitaria.

  • Mentre leggevo mi sembrava di sentire il profumo di Maquis tipico di quelle zone. Non vedo l’ora di tornarci. Amo la Provenza in qualsiasi momento dell’anno, ma la Primavera è quella che preferisco.

  • Bellissime sia le foto del Moulin Vert, sia quelle che ritraggono scorci sul canale… che bello! Non sapevo che il mercato di Isle-sur-la-Sorgue fosse il terzo in Europa… sembra davvero carino. Dev’essere stata davvero una bella giornata, quella passata tra queste bancarelle…

    • La località è davvero particolare, ambientazione perfetta per il mercatino dell’antiquariato

  • Che bella la Provenza! Proprio ieri ne parlavo con i miei genitori che ancora non ci sono stata e ci vorrei andare. I mercatini dell usato e le tue foto sono stupende 🙂

  • Siamo state negli stessi posti!! Ho comprato diverse cose in quei negozi, ma la cosa che ho adorato di più a Isle sur la Surge sono i ristorantini tipici… un atmosfera fiabesca davvero.

  • Che atmosfera incredibile! Dal tuo racconto sembra che andare in occasione di questo mercato antiquario valga davvero la pena… Io, quando ci sono occasioni del genere, sono sempre un po’ prevenuta per il timore di trovare troppa gente

    • Io ci sono andata al sabato prima di Pasqua e si stava benissimo, la gente era tanta ma non troppa. Forse l’edizione di Agosto è più affollata.

  • La Provenza ha un aria particolare, luci soffuse e profumi delicati. Queste sono le parole che sintetizzano il tuo post. Parole che riescono a raccontare la delicatezza della Provenza. Grazie anto è come aver viaggiato con te.

  • Cavolo ho la Francia così vicina e non ci andiamo mai. Si può? Quello che mi colpisce di questo paesino è l’aria malinconica, a tratti retrò.. stile shabby.. me lo segno in agenda!

  • Adoro la Provenza! Penso sia la parte della Francia che più mi piace e mi si addice 🙂
    Colorata e delicata, piena di profumi e ottimo cibo.
    Bellissime le foto del mercato, adoro il genere e mi perderei per ore tra tutte quelle meraviglie!

  • La Provenza sembra la cornice perfetta per i mercati dell’antiquariato. Io ho un debole per gli oggetti antichi, hanno una storia, un’anima che nonostante il passare del tempo resta sempre intatta. Spesso acquisto anche io al mercatino perché ci sono tantissime cose che mi colpiscono. il problema è che poi inevitabilmente ho casa piena e non so dove mettere o come amalgamare il tutto!

  • Questo post è così “francese”… Mi fa ricordare che “brocante” è stata una delle prime parole che ho imparato in questa lingua, con la prof che appunto ci parlava del mondo dei mercatini di antiquariato così caratteristici. In Francia purtroppo ne ho visti pochissimi. Questo tuo reportage mi ha fatto proprio viaggiare, bellissimo quello con gli oggetti industriali e le lampade!

    • “brocante” è proprio una parola intraducibile! la fiera di Isle sur la Sorgue è molto particolare

  • Cosa mi sono persa! Un anno sono stata ad Avignone proprio a Pasqua, ma solo al mio ritorno ho scoperto di questo mercato dell’antiquariato di Isle-sur-la-Sorgue, che da Avignone avrei potuto raggiungere facilmente. Almeno però ho un ottimo motivo per tornare in zona!
    Che angoli magnifici: sembrano usciti da un film o da un libro.

  • Woooow! Queste immagini mi fanno venire voglia di fuggire subito in Provenza. Questa meta è uno dei miei sogni proibiti. Mi piace, inoltre, curiosare nei mercatini d’antiquariato e fantasticare sulle storie che permeano gli oggetti in vendita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi